Grillo: i giornalisti che avevano capito tutto

Il motivo per cui è bene togliere i soldi dei cittadini ai partiti e ai giornali? Una sequela di frasi propagandistiche diffuse a mezzo stampa da Eugenio Scalfari, il decano del giornalismo, e dalle firme più autorevoli della nostra democrazia mediatica mostrano che è bene togliere i nostri 100 milioni di euro che vanno nelle loro tasche. Continua a leggere

Santoro M5S

Sarebbe bene che smettessi di guardare Santoro, non ne vale la pena. Dopo il servizio sul Sindaco di Parma Pizzarotti a Servizio pubblico sarebbe il caso di stare lontani dalle manipolazioni mediatiche. Il bello è che consideravo la sua trasmissione come l’unica che si salvava nel panorama televisivo italiano. Per chi vuole vedere con i suoi occhi quello che è stato trasmesso da Santoro e quelle che sono le riprese private del Sindaco, può rifarsi a questo articolo con video integrati de lanostratv. In fondo alla pagina ci sono anche alcuni commenti dei visitatori.

Film su Wikileaks

Holliwood sta girando una super produzione su Wikileaks con protagonista un divo del cinema come l’inglese Benedict Cumberbatch. La storia racconta le vicende del noto sito di soffiate che riguardano i governi di tutto il mondo e in particolare di quello americano. Ovviamente il fatto che il sistema americano illustri le faccende del suo “nemico” lascia pensare male. Continua a leggere

Italia paese semi-libero

La libertà di espressione e di stampa ha un guardiano dell’ONU che bussa alle porte dei governi per fare indagini. L’investigatore Onu si chiama Frank La Rue e da molti anni si vede sbattere la porta in faccia da Berlusconi e ora anche da Monti, insomma dall’Italia. L’Italia è classificata come paese semi-libero, solo gli italiani credono di vivere in un paese libero. Continua a leggere

L’ONU condanna gli USA sull’embargo a Cuba

Per la ventunesima volta consecutiva l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha condannato l’embargo che da più di mezzo secolo colpisce la Rivoluzione cubana da parte degli Stati Uniti. Hanno votato contro gli Stati Uniti stessi, Israele e… Palau. Si sono astenute… le isole Marshall e la Micronesia. Hanno votato a favore della mozione cubana, affermando così che Cuba ha ragione e gli Stati Uniti torto, tutti gli altri, ovvero 188 paesi che rappresentano il 96% della popolazione mondiale. Tra questi, tutti i 27 della UE (compresa la dittatura comunista britannica), tutti gli stati del Continente americano, tutti i paesi dell’OCSE (salvo gli USA), tutti i paesi della NATO (salvo il paese di Obama). Continua a leggere